Immagine di bicchiere d'acqua con mano di donna

Depuratore acqua domestico: come funziona la depurazione dell’acqua

Italiani popolo di… assetati! Secondo varie ricerche, tra cui quella del Censis dal titolo “Se sei italiano bevi acqua minerale”, gli italiani sono quelli che consumano più acqua in bottiglia:

In Europa l’Italia detiene il primato nel consumo individuale di acqua in bottiglia: in media 206 litri pro-capite all’anno, 29 litri in più dei tedeschi (il 16,4% in più), 84 litri in più dei francesi (+68,9%),85 litri in più degli spagnoli (+70,3%), 173 litri in più rispetto al Regno Unito (+524,4%), 96 litri in più rispetto al valore medio dell’Ue (+87,3%).

Siamo contenti perché vuol dire c’è consapevolezza riguardo i numerosi benefici dell’acqua su tutto il nostro corpo e ad ogni età.

D’altra parte, però, non possiamo essere così entusiasti pensando a quanta plastica viene prodotta ogni anno per tutta l’acqua che consumiamo. Leggi anche “Microplastiche nel sangue (link)”

Una delle soluzioni più diffuse ed efficaci è l’utilizzo di depuratori d’acqua per i rubinetti delle nostre case o di ricorrere all’acqua del rubinetto, che ricordiamo, è sempre controllata da enti appositamente creati per questo scopo e che ne certificano la potabilità.

In alcuni casi, tuttavia, l’acqua del rubinetto ha un sapore sgradevole e molti ricorrono a sistemi per cambiarne il sapore o diminuire la presenza di impurità.

Continuiamo il nostro articolo dicendo, però, che è più corretto parlare di “processi di purificazione”. Ora andiamo a vedere come può essere purificata l’acqua parlando di 4 metodi differenti.

  1. La caraffa filtrante: elimina in parte le impurità e il sapore di cloro.  E’ facilmente reperibile nei centri commerciali ed ha una tempistica di filtrazione e utilizzo dell’acqua di  qualche minuto. I filtri vanno sostituiti ogni mese;
  2. Depuratore d’acqua a microfiltrazione : qui si passa a un processo di filtrazione più complesso ed efficace.
    La sua particolarità risiede nella sua struttura altamente porosa e quindi capace di trattenere agenti inquinanti piccoli fino a 0,5 micron come batteri, lieviti, sabbia, cloro. Si diversifica dalla caraffa, in quanto- ha una qualità di filtrazione maggiore;
    – l’acqua è immediatamente disponibile dal rubinetto;
    – i filtri vengono installati sotto al lavello e sostituiti una volta l’anno, garantendo cosi  un notevole vantaggio su inquinamento e costi di gestione.
  3. Depuratore d’acqua ad ultrafiltrazione : da installare anch’esso sotto al lavello della cucina, si differenzia dalla microfiltrazione in quanto capace di filtrare particelle piccole fino a 0,01 micron eliminando cosi agenti più piccoli come virus ed endotossine. Anche in questo caso, i filtri vanno sostituiti una volta l’anno;
  4. Depuratore d’acqua a nanofiltrazione a osmosi inversa: l’osmosi inversa è il sistema più avanzato di filtrazione disponibile sul mercato. È il processo in cui si forza il passaggio delle molecole di solvente dalla soluzione più concentrata alla soluzione meno concentrata ottenuto applicando alla soluzione più concentrata una pressione maggiore della pressione osmotica.
    In pratica l’osmosi inversa viene realizzata con una membrana che trattiene il soluto da una parte impedendone il passaggio e permettendo di ricavare il solvente puro dall’altra.
    Questo fenomeno non è spontaneo e richiede il compimento di un lavoro meccanico pari a quello necessario per annullare l’effetto della pressione osmotica. Grazie a questo processo, si riesce a filtrare ioni, pesticidi, endotossine, virus, batteri, lieviti, sabbia e calcare.

Dalle nostre ricerche svolte in anni di attività nasce Osmo, un depuratore d’acqua che ha un doppio processo di filtrazione.

L’acqua passa prima attraverso un filtro a microfiltrazione capace di eliminare particelle di dimensioni più grandi (0,5 micron) per poi arrivare alle membrane osmotiche in grado di filtrare  nanoparticelle di dimensioni 0,001 micron come ioni e pesticidi.

Inoltre questo sistema è in grado di regolare i sali disciolti presenti nell’acqua rendendola più leggera e con un gusto eccellente.
In sintesi, i depuratori ad osmosi inversa non solo garantiscono il più alto livello di depurazione, ma offrono la possibilità di scegliere il gusto della propria acqua preferita senza alterarne le proprietà organolettiche.

Avrete quindi la possibilità di bere acqua depurata dal rubinetto, diminuendo l’utilizzo della plastica e contribuendo cosi alla salvaguardia del pianeta.

Come per la microfiltrazione e l’ultrafiltrazione, i filtri dei depuratori a nanofiltrazione (osmosi inversa) vanno sostituiti una volta l’anno e possono essere installati anche sotto lo zoccolo della cucina.

Seppur possa sembrare inizialmente la soluzione più dispendiosa rispetto alle altre, è sicuramente l’opzione che garantisce il maggior risparmio economico nel tempo.

Basti pensare che, ad ogni acquisto di acqua effettuato in supermercato, non si acquista solo l’acqua bensì la pubblicità del marchio e la plastica che successivamente andrà smaltita aggiungendo costi su costi.
I nostri depuratori sono una soluzione semplice, economica ed ecosostenibile. Airwatertech sogna un mondo plastic free.

Per ulteriori informazioni, potete contattarci al nostro indirizzo email info@airwatertech.it, al numero di telefono 051/0010729

Il nostro staff sarà lieto di rispondere alle vostre domande e venire incontro alle vostre esigenze.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Indice dei contenuti

× Posso aiutarti?